mercoledì 26 gennaio 2011

I ringraziamenti in una tesi di laurea

Ho finito la tesi. E ora? Dove inserisco i ringraziamenti? E soprattutto chi ringrazio e in quale ordine? Il professore mi ha seguito poco, devo ringraziarlo ugualmente? Questi ed altri amletici quesiti ci tormentano al termine della faticosa stesura della tesi. Sembrerebbe un argomento banale, ma assolutamente non lo è! D'altra parte siamo già distrutti dai continui viaggi in biblioteca e in facoltà, dalle parole che battiamo con la nostra tastiera e dai terrorizzanti fogli bianchi che ci appaiono sullo schermo e atttendono di essere scritti, perchè anche scrivere i ringraziamenti dev'essere così faticoso?

 Vi suggerisco alcuni consigli da cui poter trarre spunto:

- Innanzitutto è importante l'ordine gerarchico dei ringraziamenti. Verrebbe spontaneo ringraziare in primis il povero fidanzato che ci ha sopportato nei momenti di abbattimento, ma non è così semplice. Il primo da ringraziare è il professore della disciplina, successivamente il dottore o il ricercatore che ci ha seguito, poi l'ente o la biblioteca a cui ci siamo rivolti per eventuali ricerche più approfondite (un'azienda, l'archivio del comune, un'associazione ecc..) e solo infine parenti, amici, fidanzati, amanti (forse a pensarci non è il caso) mariti e colleghi.

- I ringraziamenti, salvo indicazioni particolari del professore, possono essere messi all'inizio o alla fine della tesi.

- Alcuni optano per ringraziamenti meno formali e molto dettagliati, con descrizioni e riferimenti intimi. Ho visto anche ringraziamenti composti da 2-3 pagine! Altri, invece, scelgono ringraziamenti formali che occupano al massimo 6-7 righe. A voi la scelta.

Questo potrebbe essere un esempio, ovviamente da personalizzare!

Innanzitutto, vorrei esprimere la mia gratitudine al Prof. Tal dei Tali, relatore della mia tesi, per l'aiuto e il sostegno fornitomi durante la stesura del lavoro
Desidero, inoltre, ringraziare la Dott.ssa Vattelapesca per aver dedicato numerose ore alla mia tesi.
Vorrei ricordare e ringraziare anche il personale dell' Ente XX per il graditissimo sostegno ricevuto durante le mie ricerche.
Ringrazio con affetto la mia famiglia che mi ha sostenuto durante gli anni all'università.
Infine ho desiderio di ringraziare il mio ragazzo, i miei amici e i miei colleghi.


Spero di essere stata utile!

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento